XXIX CONGRESSO NAZIONALE SICP

“LA COMPETENZA E LA RESPONSABILITÀ NELLA CURA”

.
Riccione, 17 – 19 novembre 2022

“Quando l’amore e la competenza lavorano insieme,
ci si aspetta un capolavoro”
(cit. John Ruskin)

Quello 2022 è il XXIX Congresso Nazionale SICP e il fil rouge scelto quest’anno, in continuità con quello delle Reti della scorsa edizione, è “LA COMPETENZA E LA RESPONSABILITÀ NELLA CURA.”

.

La scelta deriva dal fatto che il Sistema Sanitario si trova in una fase di transizione epocale e dentro questo nuovo scenario la nostra disciplina, così come tutte le altre, dovrà rafforzare la propria identità dando sempre più valore alla competenza e alle responsabilità.

Ai professionisti delle Cure Palliative sono da sempre richieste competenze multidisciplinari, sempre più approfondite, in un ambito in continuo e profondo mutamento: cliniche, organizzative, di governance, comunicative, etiche, formative e di diritto.

Il concreto avvio delle scuole di specializzazione in Medicina e Cure Palliative andrà in parte incontro alle esigenze delle Reti che dovranno prendersi carico di un sempre maggiore numero di persone malate e delle loro famiglie, ma poiché le Reti sono multiprofessionali, dobbiamo considerare tutta la formazione e l’aggiornamento per tutte le professioni, che sia pre o post-laurea, un’opportunità grandemente preziosa e una responsabilità da presidiare con attenta cura.

.

Alle Reti di Cure Palliative servono professionisti e volontari che abbiano ben salde la sensibilità e le conoscenze che rendono possibile la reale presa in carico globale e integrata delle persone affette da patologie croniche evolutive, sempre più precocemente, con risposte capaci, nuove, ma sempre più integrate, appropriate, proporzionate e condivise.

E ai Servizi Sanitari servono Reti fatte di professionisti che possiedono capacità specifiche e sempre più raffinate, che possano indirizzare e guidare la transizione cui il Sistema Sanitario sta andando incontro.

.

Ogni operatore delle Reti di Cure Palliative deve conoscere gli aspetti della multidimensionalità dei bisogni, i nuovi strumenti per identificarli, le strategie organizzative della Rete, la clinica (compresa la health technology), i contrasti insiti all’interno dei dilemmi etici, la pianificazione condivisa delle cure, la gestione del fine vita, perché conoscere vuol dire governare e non rincorrere o inseguire. Ciascuno di noi deve strutturare il proprio agire all’interno di un modello in cui si integrino la nostra specifica pratica clinica, compresa la gestione del rischio, con la contaminazione positiva reciproca rispetto a ciò che ci circonda, attraverso esperienze e attraverso la Ricerca di evidenze.

.

SICP ha l’obiettivo di crescere e di sostenere la crescita delle diverse professionalità che operano nel mondo delle Cure Palliative, nel dialogo costante con le altre Società Scientifiche e con le Istituzioni, alla ricerca continua delle modalità migliori per costruire risposte adeguate ai bisogni emergenti della popolazione di cui dobbiamo responsabilmente occuparci, che è la più fragile, umanamente ricca, clinicamente varia, fatta di complessità estrema, in qualunque posto essa sia (casa, ospedale, hospice, RSA).

.

ll congresso è ambiziosamente strutturato in questa ottica, ricco di proposte formative e di aggiornamento, pensate sulla base delle diverse esigenze e delle nuove evidenze.

Crediamo che sarà un’occasione irripetibile, non mancate!

Gino Gobber
Presidente del Congresso

Marta De Angelis
Coordinatore del Board Scientifico

Michela Guarda
Co-coordinatore del Board Scientifico

Luciano Orsi
Co-coordinatore del Board Scientifico